venerdì 6 luglio 2012

LA TEMPESTA PERFETTA SI PLACA E SI SPOSTA VERSO IL MARE


Magari. Magari fosse vero. Magari la tempesta finanziaria che ha travolto l’Italia e tutta l’eurozona si fosse davvero placata, spostandosi altrove. La verità invece è che la tempesta non finirà finchè le nazioni europee che hanno acconsentito anni fa ad aderire a questo accordo monetario bislacco chiamato euro, che in un modo o nell’altro ha creato squilibri permanenti sia commerciali che finanziari, non inizieranno a prendere misure drastiche di protezione delle loro economie. E il miglior modo di difendere la propria economia nazionale è quella di ancorarla ad una propria moneta sovrana, che ha la possibilità di apprezzarsi e deprezzarsi liberamente sui mercati creando dei meccanismi automatici di compensazione utili a tutto il tessuto produttivo. Detto in soldoni, nel caso dell’eurozona, ciò significa che la Tempesta Perfetta non terminerà finchè i singoli paesi che la compongono non ritorneranno ad una piena sovranità monetaria, che adegui i rispettivi parametri finanziari e monetari (tassi di interessi, tassi di cambio) alle variabili più importanti da monitorare in campo economico (disoccupazione, inflazione, sviluppo sostenibile, equilibrio della bilancia dei pagamenti con l’estero).


Inutile quindi il tentativo di ieri del governatore della BCE Mario Draghi di mettere una pezza alla crisi finanziaria abbassando il tasso principale di riferimento del mercato interbancario di un quarto di punto percentuale (portandolo a 0,75% come mai era successo prima nell’eurozona), perché questo non servirà affatto a rilanciare la cosiddetta economia reale, ma avrà l’unico effetto temporaneo di alleviare la crisi di liquidità delle banche e di limitare le loro perdite di bilancio. Come ormai sappiamo bene, il problema attuale dell’eurozona non è la riduzione dell’offerta di beni e servizi da parte delle imprese e quindi la necessità di consentire alle imprese di fare nuovi investimenti per aumentare la produttività, ma una drammatica flessione della domanda e dei consumi che incentiva le imprese, soprattutto quelle di piccola e media dimensione che non hanno un grande mercato internazionale, ad attendere tempi migliori e a limitare al massimo gli investimenti, in quanto questi ultimi avrebbero poi uno scarso ritorno economico. Quando la gente non compra, per diversi motivi quali l’incertezza per il futuro, la precarietà, l’elevata disoccupazione, tu imprenditore puoi pure allargare il capannone e comprare nuovi macchinari, ma sai già che le vendite non aumenteranno e i debiti contratti per finanziare i nuovi investimenti, sebbene a tasso di interesse molto conveniente, ti rimarranno tutti sul groppone perché privi di adeguata copertura.



Insomma il discorso sarebbe molto lungo, perché anche le banche fra l’altro sono molto restie a concedere prestiti sia alle famiglie che alle piccole e medie imprese, sapendo già quali difficoltà esistono sui mercati e quanto elevato sia il rischio di insolvenza. Il classico schema del cane che si morde la coda può essere visto da diverse angolazioni ma porta sempre allo stesso risultato di stagnazione e recessione di lungo periodo. Se partiamo dal basso dal circuito produttivo avremo che la gente non spende, le imprese non investono, le banche riducono i loro prestiti a causa del calo della domanda e dell’incertezza dei mercati. Se partiamo invece dall’alto dal circuito finanziario avremo che le banche non prestano, le imprese non investono e non assumono, la gente non spende più perché ha già perso il lavoro o ha paura di perderlo presto. E’ chiaro che come andiamo ripetendo da tempo, l’unico modo per uscire da questa situazione ingarbugliata che non ha via d’uscita sia quello di ricorrere all’intervento anticiclico di stabilizzazione da parte di un quarto elemento che è lo stato, il quale potrebbe mettere in campo una serie di misure fiscali per rilanciare innanzitutto l’occupazione, rinvigorire la domanda interna, ridare impulso alle imprese, allentare i cordoni della stretta creditizia bancaria. Tuttavia siccome l’Unione Europea ci impone l’austerità e il rigore nei conti pubblici perché erroneamente convinta che tutti i mali derivino dall’eccesso di debito pubblico (mentre come sappiamo gli squilibri commerciali e finanziari nell’eurozona si sono creati per un eccesso di debito privato nei paesi dell’eurozona), lo stato viene messo con le spalle al muro e costretto ad inseguire assurde politiche di pareggio di bilancio, che finiscono per aggravare ancora di più il contesto. La gente ha meno soldi da spendere e lo stato cosa fa? Aumenta le tasse e taglia la spesa pubblica, in modo che nei mercati gireranno ancora meno soldi fino alla paralisi totale di tutte le attività produttive.


Geniale come strategia di politica economica, non c’è che dire, degna dei tecnici, tecnocrati, professori incompetenti al servizio delle banche e delle società finanziarie che imperversano oggi in Europa, estromettendo qualsiasi tentativo di ricostruire una politica economica democratica e sostenibile al servizio dei cittadini. A tal proposito, un altro piccolo ma non trascurabile spunto di riflessione riguarda la politica monetaria della BCE di abbassare il tasso ufficiale di sconto del denaro: chi sono oggi materialmente i maggiori fruitori di questa scelta? Abbiamo detto le banche europee in generale perché potranno chiedere prestiti e rifinanziamenti vari alla BCE ad un tasso di interesse più basso, ma fra queste banche ce ne saranno alcune che si avvantaggeranno molto di più rispetto ad altre. Per capire meglio questo passaggio dobbiamo fornire qualche cenno su uno dei titoli derivati più utilizzati, soprattutto dai grandi gruppi bancari: Interest Rate Swap.


Attraverso questo strumento derivato chi ha contratto un mutuo o un prestito a tasso variabile può proteggersi da un eventuale aumento del tasso ufficiale di sconto, scambiando il proprio tasso di interesse variabile con un tasso fisso offerto da un’altra controparte, che è in genere una banca e una società finanziaria, la quale ovviamente scommette sul fatto che i tassi si abbasseranno al di sotto del tasso fisso offerto in sede di contrattazione. Ora, guarda caso, a partire dal 2005, in un periodo di rialzo dei tassi, i maggiori gruppi bancari tedeschi e francesi hanno molto investito in titoli derivati IRS, scommettendo con altre banche, ma anche con famiglie e imprese, in un prossimo ritorno a tassi di interessi più contenuti. Secondo voi, chi ha vinto oggi questa scommessa? Avete capito chi continua a guadagnare con questa crisi finanziaria? Sapete per quale motivo in Deutsche Bank o in Credit Agricole ieri si stappavano molte bottiglie di champagne?  


Con queste premesse, appare logico concludere che la Tempesta Perfetta durerà ancora a lungo e prova né è il fatto che lo spread fra titoli di stato italiani e bund tedeschi, malgrado le patetiche misure di scudo e protezione concordate nell’ultimo vertice europeo ma stabilite già a febbraio scorso, rimane molto alto intorno ai 470 punti base. I grandi operatori internazionali della finanza non sono stupidi come sembrano e leggono con attenzione i documenti della tecnocrazia europea meglio dei politici, dei giornalisti, e degli stessi economisti, e molto probabilmente ricominceranno ad investire in titoli di stato italiani e spagnoli solamente quando i rispettivi governi avranno firmato i memorandum d’intesa per ricevere gli aiuti del MES. Purtroppo (o forse per fortuna) avremo quindi parecchio tempo per riflettere insieme sulle possibili strade da percorrere per uscire prima possibile dall’occhio del ciclone in cui ci troviamo adesso. Le soluzioni come abbiamo sempre detto esistono, ma manca la volontà politica e la consapevolezza diffusa per capire che oggi come oggi sono diventate indispensabili ed inevitabili. Tuttavia il blog Tempesta Perfetta si prende un periodo di pausa per spostarsi verso il mare. Una vacanza meritata dopo una lunga cavalcata fatta insieme fra le contraddizioni e le assurdità di questa crisi. Un’avventura spesso disarmante e in altre occasioni esaltante in cui abbiamo cercato di tenere sempre la barra dritta in mezzo ai marosi e di giudicare con lucidità e obiettività tutto ciò che giorno dopo giorno accadeva intorno a noi.


Volevo quindi approfittare di questo spazio per ringraziare tutti quelli che mi hanno seguito fin qui con molto interesse, partecipazione, affetto lasciando commenti, suggerimenti, correzioni, precisazioni, approfondimenti e stimoli di riflessione che hanno arricchito con sempre nuovi argomenti di discussione le pagine di questo blog. Per me si tratta di un’esperienza del tutto nuova che vi assicuro comporta molta fatica ma fornisce delle gratificazioni immense, soprattutto quando emerge la reciproca voglia di crescere, capire, ragionare insieme sulle cause, le interpretazioni e le critiche costruttive che dobbiamo per forza rivolgere a questo raccapricciante sistema economico, politico, finanziario, in attesa di mettere le basi di quel nuovo sistema, che noi tutti ormai abbiamo ben chiaro nella mente. Un sistema in cui le banche facciano il loro lavoro di banche e la politica, la vera politica, riprenda in mano il governo di questo paese. Un sistema in cui l’informazione non sia manipolata e strumentalizzata, ma venga usata come corretto veicolo di conoscenza e istruzione della collettività. Un sistema in cui i cittadini, i lavoratori, la gente ritrovino il loro posto centrale all’interno del dibattito politico ed economico, come è giusto che sia. L’economia, la vera economia, quella utilizzata come strumento discrezionale e flessibile di azione, deve girare intorno all’uomo e non l’uomo dipendere e rimanere incastrato negli ingranaggi di un’economia dogmatica, rigida, folle, che acuisce le iniquità e amplifica le disuguaglianze sociali.


Ringrazio anche tutti coloro che generosamente e autonomamente hanno versato quello che io chiamo il “contributo sigarette”, cliccando di tanto in tanto sugli annunci pubblicitari che si trovano a metà pagina e alla fine di ogni articolo, perché è un gesto non dovuto, non obbligatorio, che dimostra in modo tangibile come si sia creato giorno per giorno un maggiore rapporto di scambio, di riconoscenza e gratitudine reciproca fra chi scrive con passione e con determinazione per arrivare al fondo di tutte le questioni irrisolte, e chi legge con altrettanta passione e determinazione per spingere ancora oltre l’analisi, l’esplorazione, la ricerca di nuove vie, i cambi di rotta provvidenziali. Anticipo subito che considero il fattore economico un aspetto marginale del mio lavoro di scrittura (proporzionale appunto ai pacchetti di sigarette, non molti in verità, che sono purtroppo costretto a fumare per tenere alta la mia concentrazione e scandire le pause fra un ragionamento e l’altro), ma l’aumento del saldo di quel piccolo contributo gratuito rappresenta un segnale molto importante per me e una cartina di tornasole efficace per chi intraprende spontaneamente e senza scopo di lucro questa attività, perché dimostra che dall’altra parte qualcuno si è privato di pochi secondi del suo tempo per dirmi che lui c’è, mi ringrazia, mi sprona ad andare avanti. Un grazie veramente di cuore a tutti!


Se la tempesta finanziaria non accennerà a diminuire come abbiamo più volte rimarcato, la nostra Tempesta Perfetta deve essere altrettanto furente, implacabile, inesorabile. Per chi ancora non avesse capito, questo è il nostro momento, dobbiamo essere noi in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo a prendere il comando della Nave, perché quelli che noi reputavamo i capitani, a cui abbiamo colpevolmente delegato con troppa fiducia il governo del timone, sono in realtà mercenari, burattini impazziti all’interno di un gioco molto più grande di loro, mostri e criminali della peggiore specie, che quando arriverà il momento della fuga non ci penseranno due volte a calare le scialuppe di salvataggio lasciando l’equipaggio e i passeggeri in balia degli eventi. Utilizzate qualsiasi strumento per aumentare la vostra capacità di discernimento, di interpretazione, di orientamento: leggete, studiate, scambiate informazioni, confrontatevi con gli altri, partecipate ai convegni, fate sentire la vostra voce più forte che mai, affinché tutti i miserabili capitani, i maldestri ciarlatani sappiano che noi ci siamo e stiamo osservando da vicino tutte le loro mosse. Nessuno potrà sfuggire né oggi né mai all’occhio del ciclone della nostra Tempesta Perfetta.


Io stesso mi porterò dietro una bella scorta di libri da studiare durante queste vacanze e mi dedicherò a leggere quelli che io chiamo spesso i giornali della propaganda, la stampa di regime (Repubblica, Corriere e Stampa in particolare) per tenermi informato e cercare una risposta alla mia immutata domanda: ma questi giornalisti ed economisti mainstream ci sono o ci fanno? So già che ci sarà da divertirsi ad analizzare il modo in cui questi menestrelli del regime distorcono e deformano la realtà per fare arrivare ai lettori il solito messaggio: fidatevi di noi, fidatevi di Monti, della Fornero, di D’Alema, di Bersani, di Casini, di Alfano, perché noi siamo i buoni, i bravi, i giusti e sappiamo dove dobbiamo condurvi. Alla schiavitù, all’oppressione, alla povertà, al terrore, alla distruzione di ogni diritto o pretesa democratica, al totalitarismo, alla morte della politica, al governo sovranazionale della finanza. Questi cialtroni sono pagati e oleati bene per distruggerci, per annientare tutto ciò che i nostri padri e i nostri nonni hanno costruito e ci hanno lasciato in eredità. Primo tra tutti, il diritto di rivendicare la nostra esistenza, la nostra volontà di vivere una vita dignitosa, onorevole, ricca di soddisfazioni e il desiderio di migliorare le attuali forme di convivenza civile e di lasciare ai posteri un mondo ancora più degno di essere vissuto.


Chi ha imparato a conoscermi, sa già che in mezzo a tante analisi razionali, grafici, tabelle, tecnicismi, convive in me un forte impulso verso l’Utopia, l’isola che non c’è, perché senza questo imperituro trasporto verso la speranza di migliorare concretamente il mondo in cui viviamo non avrebbe nemmeno più tanto senso ragionare, studiare, leggere, informarsi. Rischiando pure lo strabismo, dobbiamo avere la capacità e la forza di tenere sempre un occhio verso l’isola che c’è sotto i nostri piedi e l’altro occhio puntato al di là dell’orizzonte, dove si agita tutto ciò che ancora non c’è, non esiste, non c’è mai stato sulla terra, sembra impossibile da raggiungere ma invece è a portata di mano se solo lo volessimo. Se non abbiamo questa fede, questa credenza incrollabile tanto vale lasciarsi guidare dai ciarlatani di turno verso il loro inferno, le loro terre desolate, i loro deserti disumanizzanti, perché le nostre parole e i nostri pensieri sarebbero come volani che girano a vuoto senza mettere in moto nulla. L’Utopia guida la Ragione e la Ragione deve mirare sempre alla stessa meta, l’Utopia, il mondo migliore che noi tutti immaginiamo nei nostri sogni più belli.



Con queste ultime ambiziosissime e mirabolanti parole (sarà il caldo e l’afa che in questi giorni riscaldano, eccitano e temprano eccezionalmente gli animi!), vi lascio dunque in affidamento il blog Tempesta Perfetta, sperando che ne facciate buon uso. Sarete voi ad aggiornare con i vostri commenti, le vostre considerazioni, le vostre segnalazioni i fatti giornalieri, che saranno tutti ripresi al mio ritorno a partire da fine luglio. Evitate le polemiche sterili, le diatribe personali e le contrapposizioni che non portano a nulla, ma concentratevi su quello che accade giorno per giorno, perché come ho detto più volte questa sarà una lunga estate calda e il momento dei grandi cambiamenti che tutti attendiamo potrebbe essere molto più vicino di quanto crediamo. Ringraziandovi con grande affetto, auguro ad ognuno di voi delle serene vacanze e spero di ritrovarvi tutti al mio rientro, più determinati e agguerriti che mai. Io come ho già ribadito più volte non mollerò mai, perché dal primo giorno della mia vita non ho mai smesso di conoscere, di cercare, di resistere e di lottare ancora una volta e non lo farò certo adesso. E’ la mia natura. La Tempesta Perfetta si può spostare, può dirigersi verso le montagne o verso il mare, ma non si placherà mai finchè sotto di lei non si apriranno schiarite e sprazzi di cielo azzurro e finalmente pulito. Sono un illuso. Razionalmente, coscienziosamente, testardamente illuso

30 commenti:

  1. Grazie Piero, un sincero grazie davvero. Sono più di 10 anni che mi sembra di vivere in "Matrix"...ho sempre sospettato ci fosse qualcosa di distorto intorno a me...qualcosa che non quadrava....Senza basi di economia, senza un'istruzione superiore e armato solo di attrezzatura da lavoro (martello, calibro e metro)..non sarei andato lontano....Per caso mi sono avvicinato a Barnard e ho cominciato a capire ma non mi piacevono i suoi toni....finalmente ho trovato il tuo blog e ho capito (...e conosciuto altre persone..Cesaratto, Bagnai, ecc...).
    Il tuo lavoro è immenso e di grande qualità....Poi hai un dono...quello di riuscire a far assimilare concetti complessi a "rimbambiti" come me....
    Buone vacanze Piero!!!...sono quasi contento che vai in vacanza perchè non riesco a star dietro ai tuoi articoli!!! :-)
    A presto...

    Saluti Santo

    RispondiElimina
  2. Il nostro Ing. Valerio se ne è andato finalmente in vacanza, senza internet e speriamo con mare calmo ed esente da Tempeste. Anch'io sono contenta di avere una pausa per rimettere in ordine questa enormr quantita' di dati e riflessioni per me del tutto nuovi. Questo spazio però rimane aperto per noi, per eventuali scambi di impressioni e commenti estivi. Possiamo sempre passare di qui e farci compagnia
    Piccola cronaca di questi torridi giorni di luglio. Nuova splendida performance della Divina Piangente.
    Ricordate la spettacolare trovata del conto corrente obbligatorio per i pensionati? Creò un certo panico. Ma Ella, dopo qualche giorno, dopo averci pensato bene,annunciò che, niente paura,le pensioni sotto i mille euro erano esentate. Sospiro di sollievo degli anziani, ben felici di poter continuare ad usare le loro scatole o il materasso,che avevano fino ad allora egregiamente adempiuto al compito di custodire i risparmi.

    RispondiElimina
  3. Ma ora arriva la tanto attesa Regalia Berlusconiana, una specie di quattordicesima. Gli anziani si rallegrano. Ma ecco ilcolpo di genio : la favolosa somma aggiunta alla principesca pensione supera la fatidica linea dei mille euro. Ovviamente perchè i due importi saranno versati in un'unica soluzione, sennò che gusto c'è ? Così, come vuole la legge di questo paese è segnata la triste sorte di questi contribuenti pensionati... Si riverseranno nelle strade, anche se non in perfetta salute, anche se ultraottantenni, magari soli e spaesati e accorreranno ad adempiere al loro nuovo dovere,pena la mancata riscossione di quanto loro dovuto.Lo devono capire : i diritti si meritano o non si meritano.
    In più, di sicuro, godranno di qualche giorno davvero elettrizzante.

    RispondiElimina
  4. Per eliminare il 40% del debito
    creato dalle speculazioni
    vedi aumento dello spread

    dovremmo isolare tutte le banche nate
    da gli anni 80 a tutt'oggi.

    Meno squali? meno pericoli. VITTORIO

    RispondiElimina
  5. Come bisogna far capire a chi ci governa che è tutto sbagliato? Gli si possono dare delle dritte a come bisogna governare? E sopratutto noi che siamo la nazione come la ce la possiamo riprendere e darla in mano a nuovi economisti?
    Io sono il primo su circa 65000000 di Persone a dare una forte mano!

    RispondiElimina
  6. Come bisogna far capire a questi mostri che è tutto sbagliato? E noi cittadini, la maggior parte, no siam d'accordo con le loro scemenze, patti, accordi e firme che non degnano il loro e per quanto mi riguarda il nostro nome di italiani. Zulù!!!!! Noi li vogliamo estorcere dal potere, noi cittadini rivogliamo i nostri bravi economisti, in cui si può o si potrebbe discutere dei pro e dei contro di un economia che non va, a fin di bene di ogni singolo cittadino con i propri diritti e doveri e non di cittadini frustrati, debitori, senza scopo se non quello di pagare tasse su tasse e di sentirsi vivere come UN MORTO CHE CAMMINA! Che senso ha la vita in queste condizioni e sopratutto che significato ha la parola Vita o meglio Vivere nell'Eurozona?
    Colgo l'occasione per darti buone vacanze e che il tuo spirito illumini qualcosa da poter concretizzare con l'aiuto di noi tutti a fargli cessare questa fiera ai di potere guidata dai soliti Proci.

    RispondiElimina
  7. Lentamente, seppur a fatica, vedo sorgere in Italia dei Movimenti, della Associazioni, in cui si ricomincia (dopo 20 anni di ipnosi collettiva) a muovere una critica seria, approfondita al sistema economico impostoci con l'entrata del nostro Paese nell'eurozona. Lo ripeto: siamo all'inizio, ad uno stadio embrionale, ma è già qualcosa. Molto del merito va sicuramente attribuito a quelli che, come il nostro preziosissimo Piero e gli altri (non molti, a dire il vero...) coraggiosi giornalisti, economisti, ecc. sono in prima linea per offrirci una voce "diversa" da quella che abitualmente ascoltiamo. E' proprio grazie al loro SERVIZIO (è dall'esempio di costoro che dovremmo apprendere il concetto di "informazione libera") che abbiamo compreso quanto mostruosi e devastanti siano i crimini commessi dall'elite al potere.
    A questo punto tocca noi. Acquisita la consapevolezza di quanto sia grave la situazione in cui siamo, non possiamo restar fermi. L'offerta non è ampia, lo ribadisco, ma qualcosa c'è. E' ora di uscire di casa, di staccarci dalla tastiera del pc, di partecipare, di proporre un percorso, un obiettivo raggiungibile. Leggo e apprezzo moltissimo quei cittadini che tornano a frequentare le assemblee del M5S ossia luoghi in cui (a quanto pare) è ancora possibile un confronto dialettico ed esteso a tutti i partecipanti. L'importante è aggregarsi, crescere, tentare di svegliare dal torpore ventennale che lo attanaglia il nostro vicino di casa, il nostro collega, un parente, l'amico commerciante o imprenditore che è convinto che non ci siano più speranze... A 54 anni, credetemi, non mi va di buttare via la spugna per consegnare ai miei figli un Paese semi distrutto...
    Mauri Di Pietro.

    RispondiElimina
  8. Be...se qualcuno aveva dubbi sull'inesistenza della democrazia in questo paese.....basta leggersi le parole di Monti riguardo le dichiarazioni di Squinzi..."Zitti tutti, altrimenti lo spread sale e i mercati reagiscono negativamente"....Lo ripeto, questo signore è pericoloso....A questo punto chiuderei il parlamento..tanto..a che serve...il sindacato idem, per finire poi con i vari conf-qualcosa. Ci troviamo in un bel pasticcio...forse più grosso di quello immaginato all'inizio...In questo paese non è più possibile "il dissenso"...Quindi non vedo necessario "il voto"...tanto fanno tutto loro...

    Saluti Santo

    RispondiElimina
  9. Grazie a te Piero.
    Buone vacanze.

    A presto, Filippo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pesci lessi venuti dall'iperspazio hanno trovato la perfetta arma di dominio : il " mostro che non si abbatte mai" ogni critica al potere, ogni dissenso lo resuscita e lo sostiene. Unica cura, percio' e' l'unanimita' ideologica che stronca ogni resistenza civile. La democrazia arretra, la possibilita' di promuovere gli interessi che ci stanno a cuore si allontana sempre di piu' . mi chiedo cosa cercheranno di venderci alle prossime elezioni...c'e ' ancora spazio per contrattaccare ? con cosa rimpiazziamo i partiti che, lasciati liberi e senza controllo, ci hanno voltato le spalle? E' vero che nascono movimenti associazioni gruppi di pressione con interessanti potenzialita', ma dov'e ' la partecipazione attiva e diffusa della cittadinanza?

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. intendo dire che se lo prevede Roubini che ha sempre indovinato tutto....potrebbe anche succedere

    RispondiElimina
  12. Ooops si e' eliminato il primo commento....segnalavo Roubini "NEL 2013 TEMPESTA GLOBALE PERFETTA BANCHIERI AVIDI IMPICCATI PER LE STRADE "

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao contessa,...più che banchieri (magari!!!) ci vedo poveri disgraziati.
      Ho trovato questo articolo del professore Amoroso, economista discepolo di Federico Caffè....certo non si possa dire sia un catastrofista ma quello che ha scritto è inquietante...
      http://www.libreidee.org/2012/06/amoroso-la-volpe-a-guardia-del-pollaio-ci-trascina-in-guerra/

      Saluti Santo

      Elimina
    2. Link dell'intervista ad Amoroso da allegare al link quì sopra...
      http://www.megachip.info/tematiche/democrazia-nella-comunicazione/8324-una-diversa-organizzazione-del-sistema-mondiale.html

      Santo

      Elimina
    3. bruno amoroso ha il grande merito di saper sempre inserire le nostre peripezie con la Germania in un piu' ampio quadro geopolitico in evoluzione.Non mi risultano altri economisti con queste capacita', almeno qui in Italia. cerco sempre i suoi contributi e ho trovato questa intervista
      L'AVANZATA CINESE, GLI SCENARI DI GUERRA E L'USCITA POLITICA DALLA. CRISI, una ricostruzione impeccabile ne chiarificatrice dei fatti che ci interessano.

      Elimina
    4. Grazie contessa, conosco quell'intervista...mi piace molto la parte "dei paesi del sud che si stringono attorno alla Grecia e insieme bussano alla porta della Merkel....ricontrattiamo di nuovo il tutto o chiudiamo il mercato unico"...bellissimo...
      Altri link interessanti:

      Studio della Bank of America Merrill Lynch riguardante i benefici per l'Italia con un'uscita dall'euro:
      http://www.bloomberg.com/news/2012-07-12/italy-exits-before-greece-in-bofa-game-theory-cutting-research.html
      Considerazioni in italiano sul link quì sopra:
      http://www.vip.it/bank-of-america-e-merrill-linch-una-uscita-ordinata-dalleuro-sarebbe-benefica-per-litalia/

      Altro articolo interessante di Cesaratto...:
      http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/in-edicola/manip2n1/20120714/manip2pg/03/manip2pz/325813/

      Saluti Santo

      Elimina
  13. secondo il problema principale è che l'italia è un Paese giovane, fondato recentemente e come tutti i Paesi giovani non è coeso e non può reggere l'impatto con i Paesi come la Germania che esistono dal medioevo! il fatto è che senza euro saremo spacciati. Se ci fosse ancora la lira saremmo falliti da molto tempo.
    il problema è il debito pubblico se non ci fosse saremmo tutti ricchi.
    se fate caso alle statistiche noterete che l'italia e la tailandia sono gli unici paesi ad avere un alto debito pubblico. nessun Paese sviluppato ha il debito pubblico dell'italia fatta eccezione forse per il giappone che tuttavia ha un quinto del nostro debito.
    Per esempio gli Usa non hannno debito pubblico, disoccupazione, problemi sociali ed economici.

    il problema è il debito pubblico e il fatto che - ha differenza della germania che come stato unitario esiste dal 450 d.C. - noi ci siamo unificati nel 1861, troppo tardi!

    RispondiElimina
  14. Il nostro "premier" è sempre in grande forma...oggi ha annunciato la fine della "concertazione"...perchè ha rovinato il paese...Risposta debole delle parti sociali come sempre...E' un escalation senza fine....ci porta al medioevo: comincio a preoccuparmi seriamente adesso. In Spagna levano la tredicesima, dimezzano le ferie, dimezzati i contributi sindacali e gli stipendi degli enti locali (per gli statali). Ho sempre pensato che in questo periodo nefasto fosse il "pubblico" a spendere qualcosetta in più...ma adesso? Povera Spagna...povera davvero...Adesso tocca a noi...

    A proposito...i troll non vanno in ferie?

    Saluti Santo

    RispondiElimina
  15. pare di no, ma perdono colpi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, stanno perdendo colpi, se sono arrivati fino a questo punto! La storia la conosce meglio un bambino di 5 anni che questo tizio qui ... anche i troll sono alla frutta! Come è finita in basso l'istruzione!!!!! Non hanno nemmeno i soldi per pagare la scuola nemmeno ai troll

      Elimina
  16. Qui non ci si diverte solo a disinformare economicamente, ma anche la storia non si studia abbastanza a quanto pare. La germania come stato unitario (impero) esiste dal 1871 (fonte http://it.wikipedia.org/wiki/Germania). A quanto pare non è cosi antica come sembra ... Vorrei ricordare anche che il concetto di stato è "un'invenzione" romana quindi facente parte della cultura italiana.

    "Per esempio gli Usa non hannno debito pubblico, disoccupazione, problemi sociali ed economici."

    Ma in che mondo vivi? Mai sentito parlare di Occupy wall street? Ma se devi fare il troll, almeno metti argomentazioni convincenti, ma in quanto a contenuti vedo che siamo un po vuoti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  17. @Daniele

    Lascia perdere, è solo un po' di folclore. Piero di solito modera ma essendo in vacanza non lo fa.

    Buona Serata

    Roberto Seven

    RispondiElimina
  18. Ciao ragazzi, vorrei segnalare un link di un video molto interessante http://www.youtube.com/watch?v=oEfMR3zK4HY&feature=player_embedded# e potrebbe risolvere tutti i nostri problemi dalla radice compreso questo malato sistema monetario.

    Ciao ;)

    RispondiElimina
  19. Altra notizia inquietante.....ecco il link:
    http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/07/16/pierfranco-pellizzetti-ericsson-licenziamenti-finanziati-dallo-stato/

    Si salvi chi può...

    Saluti Santo

    RispondiElimina
  20. Pazzesco...la regione Liguria elargisce 11milioni a una multinazionale e intanto il Teatro Carlo Felice finisce tristemente i suoi giorni, salvo un improbabile miracolo....Che disperazione!

    RispondiElimina
  21. Oggi la camera ha detto "si" al fiscal compact...silenzio assoluto sulle testate on-line dei giornali....Bilancia ok...se no vi punisco....Con quale faccia i nostri politicanti faranno campagna elettorale...Per chi diavolo voteremo....non c'è nessuno!!! (da vedere , però, se ci faranno votare)...
    Provate a leggere questo PDF della FIOM....Federmeccanica vuole levare i minimi contrattuali e aumentare le ore da lavorare settimanalmente (ma non c'era la disoccupazione?).....Ecco con questo potremmo competere con i crucchi senza svalutare.....
    http://www.fiom.cgil.it/ccnl/industria/2012/12_07_18-volantino_ccnl.pdf

    Saluti Santo

    RispondiElimina
  22. ecco si...il problema per tutto il nostro futuro penso sia proprio questo....

    chi votare?
    se io sono euroscettico chi mi rappresenta?
    chi ha sposato per esempio la tesi della mmt?

    e' la fine ! non c'e' nessuna possibilita di scelta!
    lo spread ora e' a 516 e un tizio di mediobanca ci dice che il problema sono gli investitori che non investono qui in quanto non si sa se il prossimo abitante di palazzo onorera' i debiti....
    http://affaritaliani.libero.it/politica/elezioni-anticipate230712.html

    il mercato chiede un nuovo servitore e che sia al servizio del mercato stesso, obbidente alle richieste della bce e durevole almeno per i 5 anni canonici
    il bello e' che gli elettori andranno a votare e daranno al mercato esttamente quello che chiede...e che non sara certo al servizio dei cittadini...anzi !!

    RispondiElimina
  23. Grazie a tutti per i contributi e gli interessanti spunti di riflessione che analizzerò con calma in questi giorni...il rientro dalla vacanza è stato molto traumatico con lo spread alle stelle e quindi sono entrato subito a piedi uniti nella discussione in corso: questa è guerra! Non ci sono altre parole per definirla...tuttavia come dice giustamente Paolo nel suo ultimo intervento non ci sono partiti politici che possano rappresentare le istanze di chi questa guerra la vuole combattere democraticamente...questo è il problema dell'attuale dibattito italiano: non esiste un partito in Italia che dichiari apertamente e categoricamente di essere contro la moneta unica, perchè l'euro rappresenta il principale strumento di tirannia sociale e finanziaria...attendiamo fiduciosi che qualcuno di un certo peso politico e carismatico, che abbia anche capacità finanziarie e organizzative adeguate, batta un colpo in questo senso e sono sicuro che il consenso si raccoglierà spontaneamente attorno alla sua proposta di uscita dall'euro...

    RispondiElimina